Fontana delle 100 Borgate, parete d’acqua
Giaveno, Torino

I giochi d’acqua della nuova fontana tornano a far splendere l’area antistante il Museo Alessandri
I giochi d’acqua della nuova fontana tornano a far splendere l’area antistante il Museo Alessandri
Descrizione
La Fontana delle 100 Borgate sorge nella parte bassa del centro storico di Giaveno (TO), nel cuore della Val Sangone. Ai piedi della scalinata tra via XX Settembre e via IV Marzo è stato realizzato uno spazio dedicato alla socialità e alla riqualificazione del contesto urbano, dove il punto di attrazione è una grande fontana su più livelli, che abbraccia una serie di sedute e trasforma l’area davanti l’ex scuola Anna Frank in un luogo di sosta e di gioco. Un inedito spazio di socializzazione che soddisfa le esigenze di abitanti e visitatori, in totale rispetto per l’ambiente, elemento caratterizzante di tutte le fontane sostenibili di Forme d’Acqua Venice Fountains. Per la Fontana delle 100 Borgate Forme d’Acqua ha curato la progettazione e costruzione delle parti MEP, offrendo un prodotto sostenibile e con bassissimi consumi idrici ed energetici. Un’originale fontana a doppia facciata si estende su una lunghezza complessiva di 11m, dove si alternano tre pareti in altezze sfalsate di 96cm, 156cm e 180cm, che riportano rispettivamente 8, 4 e 7 cannelle in acciaio. Dalle cannelle fuoriesce un armonioso getto d’acqua, che ricade nelle vasche di raccolta sottostanti profonde 20cm, le quali creano un gioco di vasi comunicanti e cascatelle. Sul lato destro, da una fessura orizzontale nella parete tracima una leggera lama d’acqua che scorre lungo la superfice per ricadere nella vasca di raccolta sottostante. Sul retro un’altra parete di 120cm con 4 cannelle si erge a lato delle tre sedute, accompagnando i momenti di ristoro di cittadini e visitatori. L’illuminazione è affidata a 11 Spot LED White 3000K IP68, che enfatizzano lo scendere dei getti d’acqua e ne valorizzano i riflessi sul rivestimento in gres effetto pietra, che si inserisce armoniosamente nel costruito circostante. L’acqua utilizzata è sempre la stessa: una pompa autoadescante collegata ad un filtro a graniglia di vetro filtra l’acqua e la rimette in circolo pulita, così da garantire un utilizzo sostenibile delle risorse idriche. Inoltre, grazie al pannello di controllo e dosaggio automatico di pH e Redox, l’acqua immessa è sempre cristallina e salubre, così da evitare la formazione di alghe o il deposito di calcare, il quale potrebbe ostruire e danneggiare le pompe e gli ugelli. La fontana nasce per volere dell’Amministrazione del Comune di Giaveno, che ha conferito l’incarico all’ing. Carlo Ostorero di Studio Dedalo Architettura di Torino di realizzare una nuova immagine coordinata del centro storico. L’intero intervento prende il nome di “Rinascimento Urbano”, il quale ha portato alla riqualificazione delle aree cittadine maggiormente penalizzate nella funzionalità e nella fruibilità, riconsegnandole alla collettività sotto forma di spazi nuovi e vivibili da tutti. Avevamo già collaborato a questo progetto con la riqualificazione di Piazza Sant’Antero, realizzando ex novo una fontana dinamica tailor-made e sostenibile, la quale ha restituito alla cittadinanza parte del centro storico.
 “Parte rilevante del progetto di riqualificazione “Rinascimento Urbano”, la Fontana delle 100 Borgate è il tassello estetico che trasforma l’area antistante il nuovo Museo Alessandri, creato per ospitare una parte delle opere del maestro giavenese Lorenzo Alessandri (1927 – 2000) ormai inserito nei più importanti circuiti dell’arte internazionale. La fontana con la sua stereotomia d’acqua su tre livelli ricrea le prospettive percettive mutandole continuamente di giorno e di notte.” Ing. Carlo Ostorero
 
Photo credits: Roberto Cortese

PERCHÈ SCEGLIERCI

Ci siamo innamorati di questo lavoro: realizzare opere uniche, in grado di emozionare il nostro pubblico, che ci dà la possibilità di crescere insieme in questa infinita ricerca di bellezza.